Gotham City

Arrivai con la pioggia, in una giornata di fine primavera, il cielo era gonfio di nuvole, e carico di umidità, la temperatura nonostante tutto gradevole, e fresca. Guardavo la città di Gotam spaesato, e per certi versi sembrava quasi che io fossi tornato a Londra, metropoli che mi diede i natali; caotica, enorme, forse in alcuni punti troppo Snob o perbenista, ma al contempo dinamica e gioviale.

Insomma lo stimolo adatto alla mia personalità polivalente; Sullo sfondo all’interno del mio lettore Mp3 correvano, come contorno perfetto le note di “Nothings Else Matters” nella versione degli Apocalyptica.

Adoro questa nenia triste e profonda, riesce a non farti montare la testa, a farti rimanere con i piedi in terra, sapevo, e so tutt’ora che se vuoi qualcosa te lo devi sudare, prendere quasi a forza, con le unghie e con i denti. La musica è la fonte principale della mia ispirazione, mi considero un poco una sorta di Artista post-decadente, proprio perchè la mia vita fin’ora, ha tenuto una condotta decadente.

Ma non ho nessun rimpianto, ne’ rimorso, se mai dovessi un giorno tornare indietro rifarei tutto quel che ho fatto, non una, ma cento, mille volte! Il potere, la responsabilità le ricchezze non fanno per me, o almeno non fa per me l’idea che l’alta società inglese ha di queste; Preferisco vendere il mio corpo e donare la mia anima a chi voglio io, piuttosto che farlo per ottenere intrighi, favori, con i depravati falsamente perbenisti, e maledettamente viscidi rappresentanti del potere…

In tasca pochi dollari, nella testa molti sogni, in faccia stampata un aria persa, ed i miei occhi che col riflesso della pioggia al loro interno studiavano tutto; Sapevo che mi sarei trovato bene lì, avrei solo dovuto avere un poco di pazienza, reimboccarmi le maniche, e dare libero sfogo alla mia persona, senza remore, senza paure. Dei giudizi altrui me ne’ sbatto, Io e solo Io, posso avere l’ardire di dirmi dove, e come sto’ sbagliando, quando e dove fermarmi. Per il resto la mia vita è come questo blog, con mille pagine vuote ancora tutte da scrivere, e costruire.

Edward, 26 giugno 2008

Gotham Cityultima modifica: 2008-06-26T16:51:03+00:00da edward23
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Gotham City

Lascia un commento